Portogallo da record: l’energia green prodotta supera la domanda del Paese

Dai dati dell’APRENAssociação Portuguesa de Energias Renováveis (Associazione Portoghese per le Energie Rinnovabili) arriva la conferma: a marzo la produzione di energia green in Portogallo ha superato la domanda energetica. Lo scorso mese le fonti verdi di energia hanno generato 4.812 gigawattora di elettricità, il 103,6% rispetto ai 4.647 gigawattora consumati nel Portogallo continentale (escluse quindi Azzorre e Madera). L’energia pulita prodotta grazie alle rinnovabili ha superato il fabbisogno dell’intero paese.

Un grande successo che abbraccia fattibilità tecnica, sicurezza e affidabilità nell’uso delle rinnovabili con un risultato soddisfacente per il Portogallo che punta alla neutralità da carbonio entro il 2050. Seppure un caso troppo isolato, questa nazione può posizionarsi come modello promotore di buone pratiche ed essere la conferma che le fonti rinnovabili possono davvero ridurre, se non addirittura azzerare, la dipendenza dal petrolio.

A raggiungimento dell’eccellente risultato hanno contribuito sul totale di energia 100% green prodotta l’idroelettrico per il 55% e l’eolico per il 42%. Nel loro insieme tutte le rinnovabili hanno evitato che 1,8 milioni di tonnellate di CO2 finissero in atmosfera. Dato importantissimo, ma nel contesto mondiale pesa ancora troppo poco per fare la differenza, considerando che, dopo tre anni di lieve declino, nel 2017 le emissioni di CO2 sono tornate a crescere dell’1,4%.

Il bilancio in negativo presentato dall’AIEAgenzia Internazionale dell’Energia, riporta l’attenzione sulla domanda di energia a livello mondiale che stima un dato di crescita del 2,1%, un ritmo più che doppio rispetto al 2016. Ma il vero problema è che a soddisfare i consumi extra sono stati per il 72% combustibili fossili.

I dati sullo sviluppo delle rinnovabili non ha un trend in negativo, anzi il loro impiego per la generazione elettrica è aumentato del 6,3%, ma la loro penetrazione nelle abitudini da parte dei cittadini e gli incentivi (e/o obblighi) statali sono ancora troppo irrisori per fare davvero la differenza.

Le parole do Fatih Birol, direttore AIE sono chiare e non lasciano di certo possibilità di libera interpretazione: «Gli attuali sforzi per combattere il cambiamento climatico sono insufficienti, siamo lontani dall’essere allineati con gli obiettivi stabiliti a Parigi nel 2015. Le emissioni devono smettere presto di crescere e diminuire in modo netto entro il 2020».

The post Portogallo da record: l’energia green prodotta supera la domanda del Paese appeared first on PeopleForPlanet.

https://ift.tt/2qfsXMw

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *