La Primavera della Mobilità Dolce

Dal 21 marzo al 21 giugno, due mesi di eventi per chi ama camminare, pedalare, scoprire tesori e bellezze dell’Italia minore, tra borghi arroccati e ferrovie dimenticate. È una lunga festa del turismo lento e sostenibile la Primavera della Mobilità Dolce, promossa da A.Mo.Do, nuova alleanza di 22 associazioni – tra cui Touring Club, Italia Nostra, WWF Italia, Legambiente, Terre di mezzo e Associazione Italiana Turismo Responsabile – che hanno presentato la manifestazione all’ultima edizione di “Fà la cosa giusta!”, la fiera milanese del consumo critico e degli stili di vita sostenibili.

Al centro del programma che animerà l’intera Penisola, treni storici, ferrovie dismesse e greenways (percorsi verdi nati da ex tracciati), protagonisti di due eventi clou della primavera: la Giornata delle Ferrovie delle Meraviglie (il 26 e 27 maggio) e la Maratona Ferroviaria, che concluderà la manifestazione in giugno. Due iniziative per valorizzare un patrimonio italiano prezioso, costituito da tratte minori e vecchie linee non più funzionanti i cui binari attraversano splendidi paesaggi, dalle campagne toscane alle montagne sarde, passando per i laghi prealpini, gli Appennini, la Sicilia. La “Giornata delle Ferrovie delle Meraviglie” sarà un’occasione per conoscere questo patrimonio nascosto e per sperimentare un modo diverso di vivere il territorio, pedalando dove prima c’erano binari o viaggiando su treni d’epoca che sono tornati a sferragliare grazie alla riapertura di linee turistiche. Come il Treno Blu per il Lago d’Iseo, un viaggio su uno storico treno a vapore con originali carrozze degli anni Trenta lungo la linea che costeggia il fiume Oglio, spesso abbinato a un’escursione in battello sul lago. Oppure il Treno Natura, che attraversa, sbuffando, il paesaggio della Val d’Orcia e dal quale si può scendere, alle fermate in piccole, romantiche stazioni, per raggiungere a piedi pievi, castelli e borghi animati da feste e sagre (info: www.ferrovieturistiche.it).

Altro tema forte della “Primavera della Mobilità Dolce”, i cammini: pellegrinaggi spirituali, percorsi naturalistici e storici che negli ultimi due anni hanno visto passare sempre più viaggiatori, con scarpe da trekking, zaino in spalla e approccio lento e attento ai luoghi e alla storia. A loro, i nuovi viandanti, è rivolto l’invito della Rete dei Cammini a unirsi, la prima domenica di maggio, alla decima edizione della Giornata nazionale dei Cammini Francigeni, animata da innumerevoli marce, incontri, feste che si svolgeranno lungo la Via Francigena “tradizionale”, ma coinvolgeranno anche altri percorsi ricchi di memorie di antichi pellegrini di cui si potranno scoprire tracce e bellezze meno note.

Dai Cammini Francigeni a quelli del Buon Vino, promossi da Borghi Autentici d’Italia nell’Anno del Cibo del Mibact: la Primavera porterà alla scoperta della cultura enogastronomica locale di una rete di borghi e piccoli centri dove, da aprile a settembre, ricette, prodotti tipici, vini e vitigni autoctoni saranno al centro di eventi, racconti, percorsi a piedi e degustazioni, che culmineranno nella Festa Nazionale dei Borghi Autentici d’Italia di fine giugno.

Informazioni e programma completo degli eventi su mobilitadolce.net.

The post La Primavera della Mobilità Dolce appeared first on PeopleForPlanet.

https://ift.tt/2GmkfWL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *