Giorno: 6 febbraio 2018

Il blu di metilene contro la malaria

Il blu di metilene, colorante un tempo usato come disinfettante, potrebbe rinascere a nuova vita grazie a uno studio condotto in Mali, coordinato da Teun Bousema dell’Università olandese di Radboud e pubblicato sulla rivista The Lancet Infectious Diseases, secondo cui uccide con rapidità eccezionale il parassita della malaria. La malattia è causata da parassiti del genere Plasmodium che si trasmettono all’uomo attraverso la puntura di zanzare del genere Anopheles.
Il blu di metilene pare funzioni anche contro i ceppi resistenti ai farmaci e soprattutto consente di prevenire nuovi contagi.

The post Il blu di metilene contro la malaria appeared first on PeopleForPlanet.

http://ift.tt/2nMEctN

Scansati, CERN: sta tornando la fisica “da bancone”

Altrogiornale.org
Scansati, CERN: sta tornando la fisica “da bancone”.

Esperimenti di precisione realizzabili in normali laboratori di fisica possono offrire indizi sulla “nuova fisica” necessaria a risolvere i problemi lasciati aperti dal modello standard, ai quali i grandi e costosissimi acceleatori di particelle non sono ancora riusciti a dare una soluzione. Forse nessuno conosce l’elettrone come il fisico Gerald Gabrielse. Una volta ne ha tenuto

Scansati, CERN: sta tornando la fisica “da bancone”
Richard.

http://ift.tt/2E5jCvy

Una Tesla nello spazio

Tra le 19:30 e le 22:30 di oggi, martedì 6 febbraio 2018, dal Kennedy Space Center della NASA in Florida decollerà il Falcon Heavy, il super razzo di SpaceX, l’azienda aerospaziale di Elon Musk.
A bordo ci sarà un Tesla elettrica da 200.000 dollari.
“Adoro il pensiero di un’auto che si muove apparentemente all’infinito nello spazio e che forse verrà scoperta da una razza aliena tra milioni di anni”, aveva cinguettato Musk nel mese di dicembre.
Al di là della manovra pubblicitaria è il razzo il protagonista della missione. Sarà il modello che dovrà portare esseri umani su Marte, secondo la visione di Musk.
(Fonte: Scienze Fanpage)

The post Una Tesla nello spazio appeared first on PeopleForPlanet.

http://ift.tt/2sb57EO

Fumetti: I denti bianchi sono banali!

Denti neri fumetto di Jacopo Fo

The post Fumetti: I denti bianchi sono banali! appeared first on PeopleForPlanet.

http://ift.tt/2ELGrFu

Vollebak, la giacca che si illumina

Come descrivono i suoi inventori, al buio si illumina, ricordando così la Kriptonite, ed è un’ottima soluzione soprattutto per chi pratica sport di sera, rendendo l’atleta visibile fino a 12 ore.

Dopo dodici ore di sport è utile anche per farvi individuare dagli infermieri del Pronto Soccorso!

Fonte: https://www.vollebak.com/ (da vedere il video con la suggestione delle immagini notturne in cui spicca la giacca verde)

The post Vollebak, la giacca che si illumina appeared first on PeopleForPlanet.

http://ift.tt/2BKLF5U

Ossimoro romano: il banco vegano all’ex mattatoio

Barbara è una di queste: mamma di poco più quarant’anni che nella sua vita ha sempre adottato uno stile di vita in grado di essere quanto mai sintomatico con il mondo animale. L’abbiamo intervistata.

Chi è Barbara

Vegetariana (quasi) dalla nascita, 7 anni fa decide di abbandonare anche latticini, miele e uova e diventare vegan. Trasformare il suo approccio alla vita e alimentare in un lavoro è il passo successivo. Nel 2015 apre un banco 100% vegano e diventa imprenditrice di se stessa. Non è però il solito negozietto che vuole cavalcare l’onda lunga dell’interesse su uno stile alimentare sempre più diffuso, ma un vero e proprio banco, all’interno di un mercato di Roma a Testaccio, in uno dei rioni più popolari della Capitale.

Il Mercato del Testaccio

Un mercato, quello testaccino, da sempre animato dalla stessa gente del quartiere, sinonimo di cultura romana e romanesca. Tra pescivendoli e macellai vedere spuntare una donna che vende tofu, seitan, tempeh e soia è quindi un qualcosa che sorprende e, per chi ha una testa un po’ troppo tradizionale, può anche scioccare. «La scelta di aprire questa attività in un posto così è voluta – spiega Barbara –volevo stare su strada, in mezzo alla gente, per far capire alle persone che i prodotti vegan non sono cari e possono essere molto più fruibili di quanto si pensi. Inoltre Testaccio è il quartiere dove fino al 1975 sorgeva il mattatoio e il mio obiettivo è poter irrompere in una zona dal mio punto di vista molto triste».

L’impatto del Banco vegan

La partenza non è stata delle migliori. «Nella prima fase della mia attività – racconta – più che irrompere forse sarebbe stato più giusto dire che sono riuscita a rompere». I rapporti infatti con gli altri banchi non sono stati idilliaci, per usare un eufemismo, e qualche tensione bisogna ammettere che c’è stata (soprattutto conseguentemente alla diffusione di volantini dove si denunciava i maltrattamenti animali). Ora però tutto sembra passato o, se non è passato, non interessa più alla protagonista di questa storia. Il suo obiettivo è infatti riuscire a far diventare l’Italia un paese meno tradizionalista e far capire che l’alimentazione vegan può essere pulita, giusta e sana. «La strada da fare – continua Barbara – è lunga, ma non nascondo la soddisfazione di avere tra le mie clienti signore che si sono avvicinate solo per curiosità. Ora con loro mi ci scambio le ricette e mi dicono che si sentono meglio e più in salute».

Vegani “rompiscatole”?

I vegani tendenzialmente amano fare proselitismo. È vero, lo fanno perché sono rompiscatole. Sono loro stessi a dirlo, senza vergognarsi. Rimanere zitti, dopo aver scoperto di avere una coscienza che fa i conti ogni giorno con il disinteresse totale che c’è sui diritti degli animali, d’altronde non è facile. «Io non ce l’ho con le persone che non fanno la mia scelta – aggiunge ancora la commerciante – a me sta solo a cuore la sorte degli ultimi della terra».

Il mondo animale, nell’ultimo tempo, sembra inoltre essere diventato “amico” della grande distribuzione. Noti marchi che hanno sempre commercializzato prodotti alimentari di origine animale, come latte, dolci, yogurt e biscotti, propongo alternative vegan. Una sovraesposizione che può aiutare a sensibilizzare sul tema? «No, non c’è nulla di genuino in questa tendenza. Quella V verde è usata male, pensate l’ho vista anche su una mela! Ma poi secondo voi un marchio che produce latte vaccino e poi improvvisamente decide di offrire un’alternativa di soia lo fa per etica o per marketing?». La risposta sembra effettivamente scontata. Non serve essere un economista per capire che i soldi di quella bevanda vegan andranno anche ad alimentare stalle, sfruttamento e violenza.

«Poi c’è un altro aspetto da considerare – conclude Barbara – i prodotti vegan della grande distribuzione sono pessimi. Io nel mio piccolo cerco di offrire alimenti di qualità e biologici. Perché non è vero che il tofu e il seitan sono cattivi». Di cattivo, dalle parti di Testaccio, ci sono solo sono i pregiudizi di chi vede in questa donna una nemica o una minaccia. Al contrario dovrebbe essere considerata un punto di vista differente o una nuova possibilità per fermarsi e mettersi a pensare. Perché almeno pensando non è mai morto nessuno.

The post Ossimoro romano: il banco vegano all’ex mattatoio appeared first on PeopleForPlanet.

http://ift.tt/2GOAPuW