Giorno: 5 febbraio 2018

Energia nervosa da pilotarsi col cuore e con la mente – Valdo Vaccaro

Altrogiornale.org
Energia nervosa da pilotarsi col cuore e con la mente – Valdo Vaccaro.

Conferenza di Imola, 28 Gennaio 2018
– Rivisitazione dei nostri obiettivi
È opportuno giustificare il motivo per cui ci troviamo qui a Imola. HSU significa Scienza della Salute e del Benessere, e pertanto anche Scienza del Divertirsi. Se sgarriamo da questa direttiva, fischiate e rumoreggiate pure, dimostrate senza mezzi termini la vostra contrarietà. Ogni

Energia nervosa da pilotarsi col cuore e con la mente – Valdo Vaccaro
prixi.

http://ift.tt/2BdpWTg

L’attività cerebrale del salmone morto

Nel video di Mattia Mariuccini l’intervista tra Jacopo Fo e il Dr. Fanò-Illic

Nel 2012 Craig Bennett, psicologo dell’Università della California, Santa Barbara, vince il Premio “Ig-Nobel” in Neuroscienze per uno studio sulle attività cerebrali di un salmone morto rilevate tramite una Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI).

Ai salmoni sono state sottoposte fotografie di esseri umani in situazioni ad alto tasso emotivo e la risonanza ha rivelato risposte diverse dell’attività cerebrale con il variare delle foto.

Miracolo? No, un falso positivo, dovuto alla calibrazione degli strumenti e ai “rumori di fondo”

Ne abbiamo parlato ad Alcatraz con il dr. Giorgio Fanò-Illic, amico di vecchia data ma soprattutto esperto di Neuroscienze, che ci ha spiegato: “In ultima istanza il lavoro di Bennet e colleghi non è frutto di un delirio dovuto al caldo e/o all’assunzione di particolari “filtri” neurotrofici da parte degli sperimentatori. I risultati ottenuti sono la conseguenza del fatto che la fMRI e altre tecniche di analisi di Imaging cerebrale hanno la stessa potenzialità, grazie a software sempre più sofisticati, spesso non accompagnati da una analisi statistica rigorosa, dei programmi di elaborazione del contrasto in fotografia come Photoshop.”

Aggiunge ancora il Dr. Fanò-Illic: “Dalla scansione sembrava che il salmone morto stesse pensando alle immagini che i ricercatori gli avevano appena mostrato! E qui nasce l’equivoco per cui il grido di allarme lanciato dal ricercatore, sulla possibilità di falsi positivi in analisi del genere (che sembra si aggirasse intorno al 30 40% nel 2010), è stato completamente oscurato dalle simpatiche modalità utilizzate per l’experimentum crucis.”

The post L’attività cerebrale del salmone morto appeared first on PeopleForPlanet.

http://ift.tt/2E1Wkqr

Essere parte del cambiamento: il circuito di credito commerciale

Ma cos’è un circuito di credito commerciale e come può essere considerato un sistema complementare a quello euro? La risposta è data da chi ha messo in pratica un circuito di scambio di beni e servizi, promuovendo, sostenendo e incoraggiando le aziende dello stesso territorio a interagire fra loro, per favorire, in questo modo, anche la conoscenza reciproca. Il primo caso in Italia, Sardex, è stato oggetto di interesse da parte del Financial Times e a seguire, undici realtà territoriali hanno riproposto il suo modello: per la regione Abruzzo, è attiva Abrex, che nei prossimi giorni ci racconterà nel dettaglio cosa vuol dire essere un strumento finanziario per le imprese.

«… Lo strumento è ben rodato: si chiama compensazione multilaterale dei crediti e dei debiti, in inglese clearing. Se A deve qualcosa a B che deve qualcosa a C, e così via, la scelta più ragionevole non è quella di costringere tutti a pagare, chiedendo i soldi che non hanno a banche che non li vogliono dare, ma di compensare il più possibile i debiti e i crediti fra di loro, riducendo il bisogno complessivo di liquidità …» (Massimo Amato, Libertaria, il piacere dell’utopia, 2010, numero 3-4).

E’ Massimo Amato, docente di Storia, istituzioni e crisi del sistema finanziario globale dell’Università Bocconi di Milano, che spiega cosa siano i circuiti alternativi commerciali, come ad esempio quelli in cui non è previsto uno scambio monetario e in cui, anche solo parzialmente, sono i beni e i servizi che diventano moneta al posto del denaro. Come nei circuiti di credito commerciale.

Cosa sono, dunque e come operano nello specifico?

Per circuito di credito commerciale s’intende un sistema economico capace di connettere le imprese dello stesso territorio e della stessa regione, in grado di promuovere i loro prodotti specifici e anche di fare da garante per i metodi di pagamento e soprattutto di credito che possano essere complementari o sostitutivi del denaro tradizionale.  

Un finanziamento reciproco, insomma, di aziende, senza tassi d’interesse, che permette di agevolare la ricchezza della regione o del territorio locale in cui si opera e di aiutare l’ambiente e lo sviluppo sostenibile. Sembra essere vantaggioso per tutti gli imprenditori che vogliano farsi conoscere sul territorio o semplicemente incrementare il proprio volume d’affari con nuovi clienti: la rete commerciale, con il sistema del circuito di credito, tende ad aumentare automaticamente, grazie all’ottimo lavoro di mediazione di società che hanno abbracciato la causa e sostengono le aziende interessate a entrare nel sistema.

L’esempio di Sardex

Come Sardex, il primo circuito operativo in Italia, nato nel 2009, dalla volontà di cambiamento di un gruppo di laureati, stanchi della crisi e dell’espatrio verso paesi più stabili economicamente.

Da Serramanna, paese del Sud Sardegna, cinque amici, con lauree diverse, decidono di pensare a un’economia che fosse realmente vantaggiosa per la loro regione, la Sardegna e per le imprese del territorio in difficoltà: nasce, quindi, l’idea di Sardex, circuito di credito commerciale che ha dato il via a un importante cambiamento a livello nazionale, tanto da meritare un posto nell’home page del Financial Times (qui la traduzione italiana). 

Per parlare un po’ di cifre, si legge sul loro sito che il circuito di credito commerciale Sardex ha mosso nel 2013 una cifra corrispondente a 24 milioni di euro, senza bisogno di denaro, circa 36 milioni in beni, per 2500 aziende coinvolte. Nel 2015, poi, con oltre 3500 aziende iscritte, la società registra la quota di 100 milioni di transato, con la crescita destinata a salire [1]. Soprattutto perché, in diverse regioni italiane, alcuni imprenditori hanno preso esempio dalla Sardegna e appoggiati da Sardex e/o da Emineo, altra realtà importante all’interno dello sviluppo di progetti commerciali, hanno deciso di creare il loro circuito di credito per rilanciare le aziende del territorio.

… E quelli a seguire

Sono undici le realtà territoriali al momento coinvolte: Valdex in Valle d’Aosta, Piemex nel Piemonte, Linx in Lombardia, Marchex nelle Marche, Liberex in Emilia-Romagna, Tibex nel Lazio, Samex nel Molise e Sannio, Felix in Campania, Umbrex in Umbria, Venetex in Veneto e Abrex in Abruzzo.

Un nuovo modo di pensare l’economia, dicono alcuni, che Sardex spiega in eventi e conferenze viaggiando dal Nord al Sud del Bel Paese, per proporre il circuito di credito commerciale pensato per il territorio e le aziende locali, con numerosi consensi e sempre maggiori partecipazioni, al punto da essere considerata, sempre dal Financial Times, tra le mille aziende a maggior crescita d’Europa [2].

Un’innovazione sociale, forse, per altri comunque un fenomeno economico di portata nazionale difficile da ignorare:

«… C’è chi lo definisce una nuova via per decongestionare la crisi finanziaria e poi c’è chi come noi lo definisce un esempio di Social Innovation. Un modello che combina un nuovo tipo di economia, tra elementi passati con altri innovativi: lo scambio di servizi e competenze, la rete integrata ed interagente con un territorio e le nuove tecnologie a supporto del sistema.[3]»

Altre Fonti:

[1] http://smartmoney.startupitalia.eu/analisi/54616-20160412-cosa-fa-sardex-spa
[2] http://www.emineo.it/notizie/
[3] http://www.openhub.it/blog/2014/04/18/circuiti-di-credito-commerciali-unesplosione-economica/

 

The post Essere parte del cambiamento: il circuito di credito commerciale appeared first on PeopleForPlanet.

http://ift.tt/2EhGNpJ